Come dice il titolo, sono qui per presentarvi una mia opinione sul cosiddetto “fattore nostalgia” che sta facendo da carburante ai vari seguiti/remastered e tanto altro ancora.

Non fraintendetemi, a me piacciono le remastered e i remake. Ben vengano a portare migliorie ad un gioco vecchio come per esempio nel remake per Wii U di The Legend of Zelda: The Wind Waker dove sono state sostituite le missioni secondarie di Tingle da eseguire con un Game Boy da collegare al Gamecube per essere rimpiazzate da un messaggio in bottiglia nel Miiverse, con conseguente gioia di fans che non potevano permettersi un Game Boy per completare al 100% un gioco.
Però, perché in questa storia c’è un però, bisogna anche dare spazio a nuove idee.

Ma come catturare l’attenzione dei giocatori che guardano con occhio torvo i giochi nuovi? Usando una manovra che un gioco come Hacknet (DLC incluso) e due film come Guardiani della Galassia Vol.2 e Thor: Ragnarok.

n.d.R. Per chi non l’avesse visto il film dell’immagine è Kung Fury, reperibile gratuitamente praticamente in ogni dove, un vero must a nostro avviso

Hanno reso vincente l’estetica degli anni ’80-’90. Oramai, con il fenomeno della vaporwave/synthwave e altri generi simili sempre più in ascesa, puntare su questo cavallo è una scelta vincente perché si da al giocatore qualcosa di nuovo con un aria vintage che lo accoglie. Senza fare troppi spoiler, nel videogioco Hacknet, durante la missione finale, si sente una traccia della colonna sonora di Hotline Miami (per la precisione Roller Mobster) e questa è un’ottima manovra perché quella traccia si adatta perfettamente alla missione ma al tempo stesso mantiene la sua nostalgia.
Mentre nel DLC dello stesso gioco si sentono due tracce synthwave molto note: Resonance e Dream Head, entrambe dell’artista HOME. Ciò è un altro esempio di questa strategia che si rivela vincente poiché queste tracce si adattano all’atmosfera generale ma senza togliere la nostalgia.
Nel caso di Guardiani della Galassia Vol. 2 l’estetica anni ’80 non diventa solo una furba manovra commerciale, ma parte integrante della storia essendo il protagonista a spasso per l’universo per parecchio tempo.
Ciò che voglio dire è questo: ben vengano remake/remastered, ma ben vengano pure i nuovi giochi che si fanno fregio questo tipo di effetto nostalgico/vintage. Ma anche quelli che non hanno questo tipo di estetica, basta che non prendano in considerazione le solite idee trite e ritrite solo per spremere all’ultima goccia ciò che è rimasto del franchise per fare roba nuova. E chi vuole capire capisca. Vi ringrazio per l’attenzione, caro staff di Parliamo di Videogiochi.

Ray Jackson

 

Vista la mole di richieste, abbiamo deciso di creare questo piccolo spazio dedicato a voi lettori per consentirvi di dire la vostra facendo sentire la vostra voce, quindi che vogliate scrivere una recensione, un’editoriale o chi più ne ha più ne metta, questo è il posto giusto. Fate pervenire i vostri articoli all’indirizzo email cosimo.lemma@pdvg.it possibilmente in formato doc o al massimo pdf, va benissimo anche un copia incolla nel corpo della mail, ma niente formati alieni per cortesia. Ricordate di specificare Nome e Cognome oltre che l’oggetto della recensione in sé accompagnato dall’eventuale permesso alla pubblicazione con il vostro nome (se preferite va bene anche un nickname o la pubblicazione in forma anonima).

Essendo la community molto grande, non possiamo in alcun modo garantire la pubblicazione di ogni singolo articolo che riceveremo sia per quantità che per qualità degli stessi. (n.d.R. gli articoli verranno rielaborati in minima parte per garantire una corretta impaginazione ed una buona leggibilità, rivedendo eventuali errori. Non verrà in alcun modo intaccato il senso logico degli scritti. Aggiungo inoltre che quanto leggerete non rispecchia in alcun modo il pensiero di Parliamo di Videogiochi, in questa particolare rubrica ci riteniamo solo un tramite. Andateci piano quindi con flame e insulti, in quanto le opinioni personali sono sacrosante)

Commenti

risposte