Il negozio digitale ha realizzato entrate per 4,3 miliardi di dollari nel 2017, una grande parte delle quali, secondo SteamSpy, è stata favorita dalla popolarità di Playerunknown’s Battlegrounds. Ora ci sono 291 milioni di account Steam, di cui 63 milioni creati l’anno scorso.

Durante un evento alla GDC 2018, Galyonkin ha rivelato una serie di statistiche che mostrano il divario tra i vincitori e i perdenti del servizio.

“La metà di tutto il denaro è costituito da un piccolo sottoinsieme di giochi”. Infatti, dei 21.406 giochi attualmente su Steam (7.696 dei quali sono stati pubblicati nel 2017) quelli che riescono a entrare nella top 100 fanno la maggior parte dei soldi. PUBG ha venduto quasi 28 milioni di copie, generando 600 milioni di dollari di entrate. Lo segue Counter-Strike: Global Offensive, con 12,5 milioni di vendite e ricavi per 120 milioni di dollari.

Un gioco deve fare almeno 22 milioni di entrate lorde per entrare nella top 20 di Steam, cifra che è rimasta sempre la stessa. “Successi come questi sono quelli che fanno guadagnare soldi a Valve.”

Questi dati sono stati raccolti da SteamSpy, che funziona monitorando circa 800.000 profili utente ogni giorno, utilizzando un campione di tre giorni per stimare le statistiche di base tramite l’API di Steam. Galyonkin ha introdotto il suo discorso dicendo che SteamSpy non funziona in tempo reale – ci vogliono quattro giorni per “recuperare i dati”, ha detto, e “non è preciso” per i giochi di piccole dimensioni. La tecnologia tiene traccia solo dei proprietari e dei giocatori, non delle vendite, non è in grado di distinguere tra i giochi venduti su Steam, venduti altrove e dati via gratuitamente, e attualmente non tiene traccia dei rimborsi.

Tuttavia, Galyonkin è sicuro di affermare che Steam “non sta rallentando”. Nelle ultime due settimane sono stati attivi 57 milioni di giocatori. Il 25 percento di tutti i proprietari di account Steam ha giocato una partita nelle ultime due settimane. “Non è tutto eccezionale,” ha detto Galyonkin. L’utente medio possiede solo due giochi, mentre la media è di 10,8 giochi, numeri che sono diminuiti negli ultimi anni.

“Abbiamo troppi giochi”, ha detto. “Non solo è impossibile per un utente acquistarli tutti; è impossibile per un utente persino scorrerli.” Mentre la Cina è il mercato più grande, la nazione più rappresentata su Steam è quella americana. “Il 13,9% dei giocatori attivi è americano. E l’utente medio americano acquista su Steam sei volte più giochi di un utente medio cinese.”

Commenti

risposte