Steam sta minacciando di rimuovere diverse visual novels (e non solo) contenenti temi sessuali, e un’organizzazione anti-pornografica con radici religiose si sta prendendo il merito di tale cambiamento di politica.

Giovedì sera, lo studio di romanzi visivi Lupiesoft ha detto che il suo romanzo visivo sui pirati intitolato Mutiny!! è stato segnalato per “contenuto pornografico” e minacciato di rimozione “entro due settimane”. Il gioco presenta contenuti erotici yuri ma Lupiesoft afferma che “assolutamente nulla in Mutiny!! viola le linee guida [di Steam]” e afferma che la pubblicazione su Steam del gioco è stata “pienamente accettato dalla società” prima di essere lanciato sulla piattaforma. Ecco quanto scritto da Lupiesoft sul suo account Twitter ufficiale:

In effetti Lupiesoft è stato uno degli sviluppatori più severi per quanto riguarda il seguire le linee guida di Steam, e assolutamente nulla in Mutiny!! le viola. Dopo che il nostro editore di Steam MangaGamer si è incontrato con Valve in persona, gli è stato detto che il contenuto ecchi andava bene per Steam. Sembra che questo nuovo cambiamento viola ciò che Valve ha accettato prima, e l’interezza del genere Visual Novel su Steam sta risentendo degli effetti di questa opzione nucleare. Ogni sviluppatore grande e piccolo, indipendentemente da quanto ha seguito le linee guida di Steam alla lettera, sta avendo i giochi tirati [via dalla piattaforma].

Insieme a Lupiesoft, molti altri sviluppatori ed editori di giochi hanno affermato che i loro giochi sono stati minacciati di rimozione da Steam. MangaGamer, editore anche di Mutiny!!, ha rivelato in un post sul blog che il suo romanzo yuri Kindred Spirits on the Roof era “preso di mira dall’improvviso e brusco cambiamento di politica dei contenuti di Steam”, nonostante seguisse “ogni elemento grafico discutibile” insieme a Steam durante lo sviluppo. Valve lascerà il gioco sul servizio solo se il suo contenuto verrà modificato.

Lo sviluppatore di HuniePop, HunieDev, ha scritto su Twitter ieri sera che Valve eliminerà HuniePop da Steam perché “viola le regole e le linee guida per i contenuti pornografici” sulla piattaforma. Neko Works, sviluppatore di Nekopara, ha annunciato che Tropical Liquor, gioco pubblicato da Sekai Project e sviluppato da Tentacle Games, “deve essere censurato entro la fine di questo mese o verrà rimosso da Steam”.

Dharker Studio ha anche twittato che i suoi romanzi visivi erotici Battle Girls e Galaxy Girls sono stati segnalati, e WinterWolves Games ha twittato che il suo titolo Roommates è stato minacciato di rimozione. Anche Sekai Project ha twittato che il suo titolo Re; Lord 1 è stato segnalato e minacciato.

Non è chiaro quali giochi saranno presi di mira per la rimozione da Steam e quali no. Christine Love, la sviluppatrice del romanzo visivo erotico BDSM Ladykiller in a Bind, ha scritto su Twitter che nessuno dei suoi giochi è stato influenzato da tali modifiche. È interessante notare che quel gioco è arrivato su Steam senza essere censurato, nonostante scene di sesso BDSM e nudità esplicite.

Nel frattempo, gli sviluppatori colpiti dall’improvviso cambio di politica di Steam stanno cercando soluzioni. In un’intervista con The OP, la scrittrice di Lupiesoft, Colleen Potvin, ha detto che è stata immediatamente presa dal panico e frustrata dalla mossa di Valve, poiché la versione di Steam di Mutiny !! non aveva “sesso, nudità molto limitata e nessuna patch che aggiungeva parti esplicite” oltre che nessun link ai negozi in cui era disponibile la versione esplicita del gioco completo.

Il gioco in questione, Mutiny!!, è il nostro gioco più recente e la nostra attuale fonte primaria di entrate. Perdere la capacità di venderlo su una piattaforma come Steam significa che la nostra sicurezza finanziaria è in gioco.

Nel frattempo, le visual novels sembrano essere ingiustamente prese di mira, in quanto i giochi AAA e quelli occidentali con immagini sessuali esplicite, come The Witcher 3: Wild Hunt e Grand Theft Auto V, non vengono presi di mira da Valve per la rimozione.

Molti giochi con contenuti molto più espliciti non hanno ricevuto takedown. Il nostro gioco era peggio di una prostituta di Grand Theft Auto?

Valve non ha risposto a una richiesta di commento al momento della pubblicazione.

Mentre gli sviluppatori di visual novels rimangono all’oscuro e con pochissima trasparenza da parte di Valve, un’organizzazione si è fatta avanti per assumersi la responsabilità dei report dei giochi, ringraziando Valve per “rimuovere contenuti sessualmente espliciti” dal suo negozio.

Il National Center on Sexual Exploitation (NCOSE) ha celebrato oggi i resoconti di rimozione di Steam in un comunicato stampa, dicendo che è impegnata in “una campagna aggressiva da due anni” sui “contenuti sessuali” dei giochi su Steam. Il centro sostiene che “molti” giochi sulla piattaforma di Valve “promuovono temi di violenza sessuale, esibizionismo e stupro” oltre a raffigurare “nudità e atti sessuali grafici”, concludendo che le persone che giocano con temi sessuali sono “non solo un voyeur ma partecipanti attivi nel mettere in scena la scena.”

L’organizzazione ha anche sostenuto che “normalizzare l’uso sessuale (e spesso abusare) degli altri” nei giochi è “irresponsabile” in un mondo che soffre di “violenze sessuali nei campus e aumento di abusi sessuali tra bambini”.

“Ringraziamo Steam per la loro leadership nel lavorare per cambiare la nostra cultura #MeToo in cui la violenza sessuale [è] dilagante e normalizzata”, ha scritto il centro. “La tua leadership aziendale è un passo importante nella creazione di un mondo libero dallo sfruttamento sessuale.”

Mentre il NCOSE sembra apparentemente un’organizzazione femminista, il gruppo è stato originariamente creato nel 1962 da membri del clero cristiano ed ebreo che temevano che i bambini potessero accedere troppo facilmente a materiale per adulti. L’organizzazione è stata elogiata dal repubblicano evangelico Rick Santorum e il suo ex presidente Roberts Peters una volta ha accusato che i matrimoni gay e le sparatorie di massa in America siano causa di una “società post-cristiana” che si allontana dalla “fede e dai valori giudaico-cristiani”.

Più recentemente, l’organizzazione ha lavorato per rimuovere Cosmopolitan dagli scaffali di Walmart, sostenendo che la pubblicazione rafforza l’idea che le donne e le ragazze siano “oggetti sessuali”. Non è chiaro se NCOSE volgerà l’attenzione su altri rivenditori di giochi oltre a Steam. Certamente, tuttavia, gli sviluppatori come Potvin hanno motivo di temere.

Commenti

risposte