Pochi giorni fa vi parlavamo del tentativo di Bluehole e Tencent di portare Playerunknown’s Battlegrounds in Cina. La Cina aveva risposto che ciò sarebbe stato possibile solo se il gioco si fosse adeguato ai “valori fondamentali del socialismo”. A tutto avremmo pensato tranne che per aderire al socialismo (cinese) si intendesse il dover sviluppare anche l’app per smartphone. 

Ebbene sì. Non solo Tencent comunica di aver concluso l’accordo per lo sbarco di PUBG in Cina, ma non perde tempo nell’annunciare che gestirà la pubblicazione della versione mobile. Versione mobile (iOS e Android) che sarà sviluppata dalla PUBG Corp. e che, per adesso, sembra limitata al mercato cinese. Nessuna data di lancio è stata confermata, tuttavia Tencent ha tenuto a precisare che il “porting” di Playerunknown’s Battlegrounds per smartphone sta “procedendo senza intoppi”.

Commenti

risposte