Solo un anno fa Samus Blackley, creatore della prima Xbox, definì il controller Duke “grande in maniera imbarazzante” ed effettivamente i suoi successori sono stati molto più snelli; adesso invece il bistrattato gamepad torna più in forma che mai (più o meno).

Blackley ha infatti annunciato che il Duke tornerà sul mercato e sarà prodotto da Hyperkin su licenza Microsoft; verrà venduto a partire dalla prossima primavera al prezzo di 70 dollari e, nonostante sia una fedele riproduzione dell’originale, avrà comunque delle piccole migliorie.

Xbox

Sulla parte frontale abbiamo uno schermo OLED che riproduce l’animazione dell’accensione della console, abbiamo poi due bumper (RB e LB) per rendere il controller utilizzabile anche con i giochi moderni, e un cavo USB per collegarlo alle console Xbox e al PC; è stato invece eliminato lo slot per la memory card. Potrebbe sembrare un’operazione nostalgia, ma secondo Blackley non è così:

Nintendo e altre compagnie hanno realizzato prodotti nostalgici, ma sono differenti. Non voglio criticarli, ma è così. Questo non è un oggetto nostalgico con cui giocare i titoli dell’era 8-bit. Con questo pad è possibile giocare ai titoli moderni sui dispositivi moderni.

Operazione nostalgica o meno, il caro Duke è pronto a tornare, lo acquisterete o ormai siete abituati ai nuovi controller che offre L’Xbox One?

Commenti

risposte