Fin dal 2014, i videogiochi di Call of Duty sono stati sviluppati a rotazione fra tre studio diversi: Sledgehammer Games, Treyarch e Infinity Ward. A Treyarch era stato affidato lo sviluppo di Black Ops 4, previsto per ottobre 2018, il primo capitolo del franchise di Call of Duty a non avere una campagna single player. La mossa ha suscitato polemiche e dibattiti, e sembra che Infinity Ward non sia intenzionata a imitare l’esperimento. Per il loro prossimo turno alla fine di Call of Duty, infatti, gli sviluppatori sembrano al lavoro per una nuova campagna single player.

Il titolo in questione uscirà l’anno prossimo, e le informazioni al riguardo scarseggiano ancora. Ad essere precisi, non possiamo nemmeno affermare con certezza che il ritorno della campagna single player sia effettivamente in programma. A suggerirlo, tuttavia, è un annuncio di Infinity Ward, che è in cerca di uno scripter narrativo. L’annuncio parla di “dare vita ai personaggi del gioco con un’implementazione naturale e cinematica di una performance vocale.” Naturalmente è possibile che tutto questo sia materiale di supporto al multiplayer – ma è difficile non pensare ad una campagna più tradizionale, nello stile dei Call of Duty precedenti a Black Ops 4.

Non ci resta che aspettare ulteriori dettagli, conferme o smentite ufficiali sul nuovo Call of Duty, la cui uscita su varie piattaforme è prevista per il 2019. Black Ops 4, invece, uscirà ad ottobre 2018.

Commenti

risposte