Nonostante gli sforzi di servizi come il Playstation Now di Sony, nessuno ha ancora creato un vero e proprio Netflix dei giochi. Tuttavia, i principali editori come EA, Activision Blizzard e Ubisoft sono fiduciosi che un servizio in abbonamento basato sul cloud troverà un vasto pubblico un giorno e potrebbe persino diventare il primo modo di giocare.

Il CEO di EA Andrew Wilson, durante la recente chiamata agli utili della società, ha discusso del futuro dei servizi di abbonamento e di streaming, ovvero i servizi che rendono i giochi eseguibili da remoto e che vengono poi trasmessi in streaming sul dispositivo locale tramite Internet.

C’era molta discussione su Origin Access Premier, e dal punto di vista dei giocatori il feedback è stato molto, molto positivo in termini di opportunità di accesso a più giochi di grande valore con un esborso ridotto. Ci aspettiamo che questo sarà un grande vantaggio per i giocatori nel tempo, e come tutte le aziende in abbonamento ci vorrà del tempo per costruire, ma crediamo nel potenziale a lungo termine, come abbiamo visto per TV, film e musica.

Origin Access Premier, il servizio in abbonamento di EA è stato lanciato tre giorni fa. Per 15 dollari al mese o 100 dollari all’anno, il servizio fornisce accesso illimitato al catalogo di giochi di Origin, incluse tutti i nuovi giochi di EA in arrivo come Battlefield V e Anthem. Ma devono essere scaricati.

Stiamo iniziando con l’abbonamento e stiamo investendo nello streaming a lungo termine. La mia sensazione è che dal momento che siamo in grado di coinvolgere i giocatori più a lungo con maggiore valore a minore attrito, vedremo una continua diffusione della partecipazione a servizi come questo.

Anche Activision Blizzard ha tenuto la sua conferenza con gli investitori e anche loro hanno parlato dei servizi in  streaming. Ecco quanto affermato dal COO Coddy Johnson:

A lungo termine, riteniamo che il gioco e lo streaming basati su cloud siano un risultato molto positivo per il settore, e in particolare per noi.

EA e Activision non sono i soli ad avere questa visione. Ecco quanto detto dal CEO di Ubisoft Yves Guillemot durante un’intervista dell’E3 2018 a Variety.

Con il tempo, penso che lo streaming diventerà più accessibile a molti giocatori e non renderà necessario avere grandi hardware a casa.

Commenti

risposte