Purtroppo spesso sentiamo parlare di dipendenza dai videogiochi, una vera e propria malattia che parte da “semplici” sessioni di gioco e che sfocia in problematiche sociali e, purtroppo, anche di salute. A tal proposito dobbiamo tristemente parlare della storia di Lilybeth Marvel, una madre di trentasette anni che è costretta a nutrire il figlio mentre questo gioca ininterrottamente a Rules of Survival.

Il bambino, di soli tredici anni, sta giocando da ben quarantotto ore senza mai fermarsi e la donna, quindi, è costretta a nutrirlo mentre suo figlio non toglie mai lo sguardo dallo schermo, come ipnotizzato da ciò che succede sul PC dell’internet caffè di Nueva Ecija, nelle Filippine.

La situazione, come potete vedere nel video, è davvero grave e ci si chiede se non sarebbe stato opportuno intervenire prima che si arrivasse a ciò. Attualmente infatti i genitori stanno pensando a come poter risolvere la cosa, cercando di convincere il figlio a smettere di giocare senza però recargli un “trauma”.

La dipendenza dai videogiochi c’è ed è un problema da non sottovalutare, come hanno riportato diversi studi. Sicuramente prevenire è meglio che curare, ma arrivati a certi livelli non bisogna far altro che armarsi di tanta pazienza e risolvere tutto nel miglior modo possibile.

Commenti

risposte