Lo stato indiano del Gujarat ha recentemente vietato ai ragazzi di giocare a PlayerUnknown’s Battlegrounds, dopo che le autorità locali hanno deciso che il gioco battle royale era la causa di una diffusione sempre maggiore dei “tratti violenti” tra i bambini locali.

Il rapporto della polizia che annuncia il divieto recita quanto segue:

A causa di questi giochi, l’educazione dei bambini e dei giovani viene colpita e colpisce il comportamento, i modi, la parola e lo sviluppo dei giovani e dei bambini.

Come riporta il The Guardian, il divieto è entrato in vigore la settimana scorsa e la polizia ha effettivamente iniziato a farlo rispettare, arrestando dieci adolescenti questa settimana prima di rilasciarli con un avvertimento.

Il divieto segue i commenti fatti a gennaio dal primo ministro indiano Narendra Modi, in cui ha affermato che la popolarità di giochi come PUBG e Fortnite – citati testualmente nel suo discorso – stava creando problemi ai genitori indiani.

Come ogni altra cosa, anche la tecnologia porta con sé aspetti positivi e negativi. Come genitori, dobbiamo guidare i nostri figli nell’ottenere il massimo dalla tecnologia. Incoraggia la loro curiosità sull’apprendimento grazie a varie app… come costruire qualcosa o cucinare qualcosa.

Nonostante ciò, il divieto di Gujarat inspiegabilmente riguarda solo PUBG e non Fortnite.

Commenti

risposte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here