Il 10 maggio sarà disponibile Legami Inossidabili, la decima espansione del gioco di carte Pokémon serie Sole e Luna, che andrà a seguire la recente Gioco di Squadra. Come la precedente, Legami Inossidabili contiene carte Pokémon GX alleati, che uniscono la potenza di due mostriciattoli in uno. Tali carte possiedono punti vita elevati ed attacchi devastanti, oltre ad offrire ovviamente la possibilità di un’offensiva GX una volta nel match. Ho avuto la possibilità di provare in anteprima le carte della prerelease – in corso dal 20 al 28 aprile- ed i nuovi due deck tematici. Ci hanno guidato nella scoperta delle novità Martina Canto e DLARZZ.

Avevo tante aspettative. Ho avuto tanta sfortuna

Legami Inossidabili offre 210 nuove carte, una nuova carta energia speciale e più di 25 nuove carte allenatori. Nonché 20 carte segrete, per gioia e dolori dei collezionisti. Ovviamente durante la nostra sessione di spacchettamento, non se ne sono viste. Quel che è più interessante è la presenza di 7 Pokémon GX alleati ed altri sette Pokémon GX soli soletti, tra cui svettano le combo Melmetal/Lucario-GX e Pheromosa/Buzzwole-GX. La fusione metallica di Lucario e Melmetal consente di utilizzare una volta per partita Metalmuraglia GX, che riduce di 30 i danni ricevuti da tutti i propri Pokémon acciaio, dopo aver applicato debolezze e resistenze. È la prima volta che un attacco ha effetto sull’intera partita, anche dopo eventuale scarto della carta in questione. Un cambiamento rilevante. La carta alleati con le due Ultracreature insettose, oltre ad avere una art spettacolare, consente potenzialmente di vincere il match con un solo attacco: la loro mossa GX permette, nella particolare condizione di sconfitta di un altro GX alleato e di avere attaccate almeno 8 carte energia, di vincere 6 premi in una volta. È evidente come molte carte nuove possano essere utili per il metagame attuale, nonché particolarmente divertenti.

Gran dinamismo questo duo

Una volta sviscerati i segreti dell’espansione Legami Inossidabili e spacchettate quattro bustine di carte, che con la mia solita fortuna non mi hanno garantito grandi gioie,ci siamo dedicati ai due nuovi mazzi tematici. I due fortunati sono Mente Marziale e Circolo Voltaico, che si fregiano rispettivamente della presenza di Mewtwo e di Zeraora. La prima impressione è stata che i deck consentano di attrezzare strategie anche solide e ben pensate, pur essendo ovviamente dedicati ai neofiti. La seconda, dolorosa, impressione, certifica la maggior lentezza e difficoltà di utilizzo di Mente Marziale, che richiede una buona dose di pazienza e fortuna per reggere lo scontro diretto. Il mazzo del nostro leggendario psico preferito (o almeno, del MIO leggendario psico preferito) è in sostanza di tipo fuoco, in quanto unicamente Mewtwo apporta l’elemento psico. Il razionale del suo inserimento consiste nello sfruttare l’abilità Report Mentale per recuperare una carta Aiuto dalla pila degli scarti, scegliendo idealmente Saldatrice, o magari un’altra carta adatta al foraggiamento di carte energia. È noto come i Pokémon di tipo fuoco siano ad alto mantenimento da questo punto di vista, soprattutto Darmanitan che per fuococarica richiede di scartare entrambe le energie di tipo fuoco, ed è l’unico del deck che riesca a fare davvero male agli avversari. In tutti i match che ho giocato, il mio Mewtwo è sopravvissuto quanto un gatto in autostrada, espressione che peraltro si adatta bene alla sua presupposta origine felina. Da segnalare infine la bellezza della moneta inclusa. Fa sempre la sua figura.

Quel Litten sta per evolversi e salvarmi la pelle.

Al contrario, Circolo Voltaico, che non ho sottomano ma ho potuto valutare durante l’anteprima, è un po’ più fruibile in tempo rapido, poiché include ad esempio Stunfish che riesce a fare piuttosto male con minimo impiego di energia, o Dodrio che con un po’ di fortuna picchia come un fabbro. Completa il quadretto Magnezone, che non fa mai male. Zeraora non possiede abilità degne di nota, se non il poter far scartare un’energia speciale al Pokémon attivo avversario. In sostanza, un deck che certamente richiede una certa confidenza col gioco per essere sfruttato in maniera un pelo più competitiva, ma che è adattissimo per iniziare a giocare da novellini.

La nuova espansione Legami Inossidabili mi ha fatto un’ottima impressione. È innegabile come gli alleati GX siano bellissimi, sia come idea che come realizzazione: siamo tornati ad una qualità degli artwork davvero pazzesca. Il GCC di Pokémon mantiene una sua attrattiva sottile, dovuta non solo al gameplay ben scalabile ed adattabile a tutti, spaziando dall’hobby al complesso competitivo, ma anche all’indubbio valore estetico delle carte. E al fatto che tutti amiamo i Pokémon.

Commenti

risposte