Quando si parla di microtransazioni spesso lo si fa in modo negativo: nessuno le vuole eppure tutti ci spendono soldi. Ultimo, ma non sarà l’ultimo, è Pokémon Masters per dispositivi iOS e Android: il nuovo gioco di DeNa e The Pokémon Company ha infatti visto incassare ben 26 milioni di dollari nella sola prima settimana dal lancio.

Il gioco è un free-to-play, quindi tutti i guadagni provengono dagli acquisti in-app e grazie a questa formula il gioco mobile si posizione tra i primi posti come gioco Pokémon che ha guadagnato di più nei primi sette giorni. Solo Pokémon GO ha fatto meglio di Masters con 56 milioni di dollari: Pokemon Quest ha guadagnato 3 milioni durante la sua settimana di lancio, Magikarp Jump un milione e Rumble Rush 300.000 dollari.

Secondo i dati di SensorTower, in Giappone ci sono stati ricavi per 16 milioni di dollari; negli USA quasi 4,5 milioni seguiti da Hong Kong, Taiwan e Francia. Interessante anche notare che il 72% delle vendite in microtransazioni provengono da dispositivi iOS.

Pokèmon Masters, nonostante alcune critiche al sistema gotcha, sembra aver conquistato davvero tutti.

Commenti

risposte