Frogwares, lo studio di sviluppo dietro a moltissimi giochi sul personaggio di Sherlock Holmes, ha pubblicato un sentito messaggio nel quale accusa il suo publisher, Focus Home Interactive, di aver rimosso alcuni dei suoi giochi dalle liste degli shop online. Non solo, a quanto pare il publisher si rifiuta anche di restituire allo studio il codice dei giochi.

La scelta sarebbe dovuta ad una politica aziendale di Focus Home Interactive, secondo la quale la società non restituisce il codice dei giochi e la proprietà dei suddetti qualora questi non siano in vendita sul loro catalogo. Questo è il caso di molti giochi di Frogwares, dato che il contratto di pubblicazione e distribuzione che legava le due realtà è ormai scaduto e non è stato rinnovato. Frogwares voleva quindi riottenere la proprietà delle sue creazioni, cosa che Focus Home Interactive si rifiuta di concedere.

Se le accuse degli sviluppatori dei giochi di Sherlock Holmes fossero fondate e veritiere, ci troveremmo dinnanzi ad un potenziale caso di furto di proprietà intellettuale. Frogwares ha chiesto l’aiuto di tutti coloro che possano aiutarli e abbiano qualche influenza sulla questione. Vedremo se l’appello troverà risposta e se le accuse dei creatori di molte avventure sul detective inglese si riveleranno lecite ed utili alla loro causa.

Commenti

risposte